Irland cliff

Lo sviluppo spirituale dell'anima popolare celtica – Parte 16

back to home pdf share

(Vai a parte 15)

 

Una vera storia di iniziazione è quella del Re Cormac Mac Art, che fu il più famoso re pagano d’Irlanda.

Questo Immram è stato trascritto in vari manoscritti nel XIV e XV secolo.

Cormac salì al trono nel 227 d.C. e, secondo la leggenda, con la sua bella statura e l'aspetto maestoso era un re ideale.

Mentre si trovava da solo su una collina a Tara, Cormac incontra un vecchio guerriero grigio che portava un ramoscello d'argento con tre mele. Dal ramo risuonava una musica meravigliosa che Cormac ascolta con stupore.  Cormac può avere il ramo se esaudirà tre desideri del guerriero. Quindi il vecchio scompare e il re torna al suo palazzo. Racconta la meravigliosa storia, scuote il ramo e tutti cadono in un sonno profondo e benefico per 24 ore.

Dopo un anno, lo strano guerriero ritorna e gli ricorda il suo impegno.

Prenderò tua figlia e tu devi mantenere la promessa,

dice il vecchio Barbagrigia.

Con il cuore pesante, il re gli dà sua figlia, dopodiché la madre e l'intera corte scoppiano in grandi lamenti. Il re scuote il suo ramo speciale, tutti cadono in un sonno profondo e Cormac dissipa così il lamento. Un anno dopo, il guerriero torna e dice a Cormac che vuole suo figlio. Si ripeté la stessa cosa, e solo con il ramo straordinario Cormac riuscì a porre fine ai lamenti. Dopo un anno, il vecchio ritorna per la terza volta e vuole la moglie del re. 

Il re gliela consegna con grande riluttanza, ma ora lui e tutta la sua corte seguono il guerriero. Improvvisamente una fitta nebbia si fa strada e Cormac è solo. Con sorpresa scopre che l'intero ambiente è cambiato: è arrivato nell'Altro Mondo. Vede palazzi di bronzo e case d'argento. Vede anche una sorgente che sgorga in cinque ruscelli e da cui la gente beve. Nove alberi di nocciole crescono alla fonte e lasciano cadere i loro frutti nell'acqua, dove cinque salmoni sono pronti a mangiarli. Ciò che trova più sorprendente è la musica che sente. Al pozzo nel giardino del palazzo, una donna gli chiede di sottoporsi a un bagno di purificazione

Quindi il vecchio gli appare di nuovo inaspettatamente davanti e gli chiede di accompagnarlo a una festa. Il re cade in un sonno profondo al canto dei partecipanti alla festa e quando si sveglia vede accanto a sé sua moglie e i due figli. Scopre che il guerriero grigio non è altro che la divinità Manannan mac Lir che ora gli offre una coppa magica che ha la proprietà di scoppiare in tre pezzi alla prima falsità.

Manannan dice a Cormac di averlo invitato in modo che potesse conoscere il suo paese. Racconta del pozzo con i cinque ruscelli, al quale dovrebbe bere chiunque desideri la saggezza. La coppa d'oro gli insegnerà a distinguere la verità dalla menzogna, e il ramo in fiore con la sua musica gli darà sempre gioia. Quando Cormac morirà, il ramo e la coppa torneranno nell'Altro Mondo.

Il giorno successivo il re si sveglia ed è di nuovo a Tara con sua moglie e i suoi figli. Accanto a lui nell'erba ci sono il ramo d'argento e la coppa d’oro.

C'è grande gioia nella corte, perché tutti pensavano che il re e la sua famiglia fossero morti.

Questa storia porta tutte le tracce di un'iniziazione. Il re deve separarsi dai suoi cari; è quindi messo a dura prova. Viene poi condotto attraverso la nebbia nell'Altro Mondo in cui deve purificarsi alla fonte. Il sonno che lo assale è il passaggio da uno stato di coscienza a un altro.

Alla fine si rende conto che il vecchio che gli ha preso moglie e figli è la divinità Manannan. Manannan gli racconta alcune cose nell’Altro Mondo e finalmente l'intera famiglia torna di nuovo nel proprio regno.

Il ramoscello d'argento con le tre mele d'oro ci ricorda le Esperidi e la coppa d'oro ricorda i calderoni dell'iniziazione celtica come i calderoni di Gundestrup e di Ceridwen, che sono trattati più dettagliatamente nel capitolo su Taliesin.

Il ramoscello musicale era importante nella tradizione celtica. Il poeta supremo, l'ollam, aveva un ramo d'oro, un anruth (era un grado più basso dell'ollam), aveva un ramo d'argento, e la classe inferiore dei poeti aveva un ramo di bronzo.

Questo ramo era simile al ramo dell'albero nell’Altro Mondo.

 

 

 

Il ramoscello d'argento con le campane apparteneva alle insegne dei poeti e invitava alla pace e all'armonia tra questo e l'altro mondo e orientava gli ascoltatori alla rivelazione mistica.

 

L'Immram di Bran

Parliamo ora dell'Immram di Bran, che è una descrizione di straordinaria bellezza. In questo Immram non c’è il dramma di un'iniziazione come nella storia di Cormac. È solo una bella storia con riferimenti a un mondo in cui regnava una pace paradisiaca.

Bran, il figlio di Febail, un giorno sente una meravigliosa musica. Ascolta i suoni e si addormenta.

Quando si sveglia, vede dietro di sé un ramo d'argento con fiori bianchi. Lo raccoglie, lo porta a corte e lì racconta la sua esperienza. Improvvisamente appare una strana donna con abiti insoliti. Comincia a cantare dell’Altro Mondo, dove i carri d'oro entrano in mare con la marea. Con la sua bella voce, racconta di un'isola dove regnano felicità, salute e gioia. Racconta a lungo delle delizie paradisiache di quest'isola eccezionale. Quindi lascia la compagnia con il ramo in fiore donatole da Bran, incantato dalla strana donna.

Il giorno successivo, Bran, con i suoi compagni, partono per trovare l'isola magica. 

Durante la navigazione, la divinità Manannan viene loro incontro sul suo carro magico. Manannan predice a Bran che passerà molto tempo prima di rivedere la sua amata Irlanda. Bran arriva con i suoi compagni su un'isola, e la regina di quell’isola li invita per un anno. In realtà, si tratta di molti anni. Tuttavia, Bran e i suoi compagni hanno nostalgia di casa e vogliono ritornare in Irlanda. Possono partire, ma non devono toccare la terra con i piedi. Quando arrivano nel loro amato paese, raccontano le loro avventure nell’Altro Mondo dalla loro barca. Le persone che ascoltano affermano però di non conoscerli. I compagni di Bran si indignano e uno di loro salta fuori bordo furiosamente. l'incantesimo si interrompe e l’uomo si trasforma immediatamente in un mucchio di cenere.

Bran racconta le sue esperienze dell’Altro Mondo e scrive le storie nella cosiddetta sceneggiatura Ogham. Poi lo consegna al popolo e salpa con i suoi amici, dopodiché nessuno lo ha mai più sentito.

 

(Continua in parte 17)

 

 

back to home pdf share