Druids oak

Lo sviluppo spirituale dell'anima popolare celtica – Parte 4

back to home pdf share

(vai a parte 3)

Druidi

Lo storico e geografo greco-romano Strabone (63 a.C.), che aveva viaggiato molto ed era ben informato, riferisce che c'erano tre forme di leadership spirituale tra i Celti. Primo i Druidi, secondo i Bardi e terzo i Vati.

La parola “druido” deriva dalla parola greca “quercia” e la quercia era venerata come albero sacro dai Druidi. Tuttavia, la parola gaelica è “druidh” e significa un uomo saggio o un mago. Entrambi i significati indicano già che la cultura dei Druidi era speciale.

In greco, quercia è “drus”. Ecco perché alcuni storici ritengono che da qui derivi il nome “druido”, perché la quercia era l'albero più importante tra i Celti.

Il culto della quercia si basa su una leggenda. La quercia fu il primo albero ad essere creato e da questo albero nacque l'uomo. Da questo fatto possiamo fare un confronto con la radice fuoco o il numero 1, che collega sopra e sotto. Da tale connessione un giorno sorgerà l'uomo divino.

Il fatto che il vischio cresce sulla quercia e non perde mai le foglie mostra la sua eternità dal cosiddetto fuoco radice: era, è e sarà. Il fuoco radice ha origine dal midollo spinale e deve essere sospinto verso l'alto.

La storia di Abramo che ricevette l'angelo di Geova sotto i rami di una quercia significa che il suo stato di coscienza era in armonia con il fuoco sacro della radice che era nato nel suo midollo spinale. Quel fuoco arrivò fino alla sua testa, perché Abramo ricevette l'angelo sotto i rami della quercia.

Scrittori romani come Plinio e Giulio Cesare forniscono molte informazioni sui Celti.

Plinio dice:

I Druidi, così sono chiamati i maghi tra i Galli, non avevano nulla di più sacro del vischio e dell'albero che lo portava, la quercia. Solo per questo scelsero i querceti e non compivano alcun rito senza la presenza di un ramo di questo albero  [1].

Pertanto, ora possiamo capire meglio cosa deve aver significato per la popolazione la distruzione di interi boschi di querce. Il simbolo del fuoco spirituale sulla terra è stato volontariamente distrutto dagli ignoranti.

Tacito [2] descrive quanto gli stessi Celti si adeguassero alla fede e si arrendessero alla volontà dei sacerdoti. Menziona persino un capo dell'organizzazione dei Druidi, Divicacius. Ciò portò alla difesa contro le incursioni romane non col sangue e le battaglie, ma con il male per mezzo della magia. Enormi foreste di querce furono quindi bruciate per paura dei “demoni” che le abitavano e, naturalmente, per paura che qualche Druido potesse nascondersi in esse.

Si parla spesso dei Druidi come di semplici indovini fantasiosi, ma Giulio Cesare affermò il contrario. Pur essendo suoi nemici, Cesare nutriva grande rispetto per gli antichi Druidi celtici e scrive (nel De Bello Gallico [3]) che i discepoli dei Druidi praticavano un rigoroso addestramento che a volte durava vent'anni, poiché nulla era scritto. Tutto veniva memorizzato sotto forma di triadi poetiche. Il discepolo riceveva questo addestramento nelle caverne e nel profondo delle foreste. I Druidi erano antichi germanici e iniziati istruiti. In Inghilterra continuarono ad esistere fino all'epoca della regina Elisabetta nel XVI secolo.

Tutto ciò che si legge nell'Edda sul mondo delle antiche saghe germaniche risale alla saggezza dei Druidi. In effetti, il poeta di Edda era un sacerdote Druido. Il sacerdote Druido diceva alte verità e, sebbene queste fossero semplici, penetravano profondamente nell'anima umana in modo che in una successiva incarnazione queste verità superiori potevano essere comprese.

Molto di ciò che si può leggere nell'Edda riguarda la vita e la morte e si basa su eventi che erano reali ai tempi degli antichi Druidi. L'Edda era la saga suprema e più sacra dell'epoca, ma con il tempo si è corrotta sempre più.

Quindi i Druidi erano principalmente la guida spirituale delle persone che governavano. Erano considerati gli intermediari tra Dio e l'uomo; nessuno avrebbe celebrato una cerimonia religiosa senza l'assistenza di un Druido.

Negli affari pubblici e privati, le persone si sottomettevano alla decisione del Druido. Fu una grande punizione per il popolo quando furono banditi e negata loro la partecipazione alle cerimonie religiose.

Cesare ci dice:

Coloro che furono esiliati per essersi rifiutati di sottomettersi alla decisione dei Druidi sono annoverati tra gli infimi e i malvagi. Tutti fuggono dalla loro compagnia ed evitano ogni conversazione per paura di essere contaminati da quel contatto ravvicinato.

Cesare scrive inoltre che i Druidi volevano che i loro ascoltatori credessero a quanto segue:

Le anime sono immortali: passano da una forma all'altra; essi vedono questo come lo stimolo più forte perché non temono la morte. Hanno anche molta conoscenza delle stelle e dei loro movimenti, delle dimensioni della terra, della filosofia e dei poteri degli dei immortali, di cui discutono con i loro giovani discepoli.

Cesare sembrava essere davvero interessato ai Celti, ma il suo interesse aveva una ragione speciale. Nonostante il suo rispetto per i Druidi, aveva una preoccupazione politica. Sapeva che i Celti dipendevano dai loro sacerdoti Druidi, e sapeva che se voleva distruggere i Celti, avrebbe dovuto iniziare dai Druidi: dopotutto, loro ricoprivano le posizioni chiave!

Nella parte settentrionale dell'Europa celtica gli iniziati colti erano anche chiamati “cerunnes” (cervo). Qui possiamo vedere una connessione con la divinità Cernunnos che indica il culto del cervo. Gli antichi Celti adoravano più animali: il cane, il cervo e il toro, che si trovano tutti nel calderone di Gundestrup [4].

 

 

 

Il Calderone di Gundestrup

 

 

 

 

 

 

Le decorazioni sul calderone raffigurano divinità e rituali celtici, motivo per cui si pensa che sia stato utilizzato nelle cerimonie religiose dei Druidi.

Sul calderone di Gundestrup, che risale probabilmente al periodo di La Tène nel II o I secolo a.C., possiamo vedere un uomo in posizione meditativa, seduto con le corna di un cervo che spuntano dalla testa. Possiamo vederlo come rappresentazione di un certo stadio di sviluppo della connessione spirituale con il cosmo. La connessione con il sole e la luna si può osservare anche su questo calderone, il che indica ancora una volta che i Celti si sentissero legati all'antico culto solare che risale alla cultura iperborea.

(continua in parte 5)

 

Riferimenti:

[1] Plinio il Vecchio, Naturalis Historia, capitolo 5

[2] Tacito, Annali XIV

[3] Giulio Cesare, De Bello Gallico, Libro VI (capitoli 13-19)

[4] Il calderone di Gundestrup è in mostra al Museo Nazionale della Danimarca a Copenaghen

 

back to home pdf share