Celtic

Lo sviluppo spirituale dell'anima popolare celtica – Parte 6

back to home pdf share

(A parte 5)

Spiritualità

Nei Misteri Celtici si parlava della reincarnazione e si indicava un costante cambiamento degli stati dell'essere in cui la morte era vista come una fase intermedia di una vita molto lunga. Pertanto, gli insegnamenti Pitagorici erano tenuti in grande considerazione dai Druidi, i quali credevano che l'anima umana fosse immortale e che nel tempo si reincarnasse in un altro corpo.

Nel corso di molte incarnazioni, l'uomo acquisisce nuove esperienze e affronta numerose prove che lo fortificano per diventare alla fine il suo obiettivo, il Vero Uomo.

Taliesin, un poeta britannico (534-599 d.C.), iniziato ai misteri di Ceridwen, scrisse una volta:

Ho attraversato molte forme,

prima che prendessi la mia vera forma.

I Druidi Celtici erano quindi normativi per la religiosità e l'ordine sociale.

Secondo Rudolf Steiner, dobbiamo cercare le radici della saggezza misteriosa dei Druidi nelle vicinanze del Mar Nero. Questa saggezza spirituale alla fine si fece strada dall'Oriente all'Occidente. Ci si potrebbe chiedere cosa conteneva questa saggezza.

Era un ricordo inconscio, un riverbero inconscio di tutto ciò che la terra condivideva con il sole e la luna quando erano ancora connessi.

Quindi l'iniziazione dei Druidi era veramente un'iniziazione solare e connessa con la saggezza lunare.

La cultura Druidica era estesa in gran parte dell'Europa settentrionale e centrale da tre a tremilacinquecento anni, prima che esistesse la scrittura. (L'ora esatta dell'origine del popolo Celtico rimane un mistero per gli studiosi fino ad oggi).

Poi è arrivata la cultura di Odino che ha portato la scrittura runica. Si potrebbe dire che la cultura di Odino sia stata la prima fonte intellettuale; al sole e alla luna, già allora venerati, si è aggiunto il pianeta Mercurio. Tuttavia, l'iniziazione solare continuò con i Celti per molte centinaia di anni.

Vediamo questa iniziazione nella storia di Re Artù e della sua Tavola Rotonda. Il castello di Re Artù era originariamente a Tintagel, sulla costa della Cornovaglia. Artù era come il sole in mezzo alla sua dozzina di cavalieri. Da qui si sviluppò la civilizzazione dell'Europa. Re Artù e i suoi dodici cavalieri assorbirono i poteri solari e ne portarono le tracce in tutta Europa. I cavalieri combatterono contro i poteri delle forze demoniache del drago, che erano ancora presenti tra la popolazione dell'Europa. Così hanno civilizzato i popoli e trasmesso la loro cultura.

Ecco perché questo esercito cavalleresco è paragonato a Michele, il guerriero che lotta contro il drago, ed è quindi chiamato anche esercito di Michele.

Questa Tavola Rotonda è esistita fino al tempo della regina Elisabetta ed è stata sciolta per motivi politici. Il castello di Artù a Tintagel cadde in rovina intorno al 1580.

Quando incontrarono il cristianesimo, i Celti apprezzarono molto l'Arcangelo Michele; questo è evidente da molti inni. Linguisticamente, questi inni rappresentano il culmine dell'integrazione dei contenuti cristiani nel vocabolario celtico. Ecco un esempio:

O Michele, guerriero,

tu re degli angeli,

proteggi la tua gente

con la forza della tua spada.


Dispiega le tue ali

sul mare e sulla terra.

da Est a Ovest

proteggici dal nemico da Est a Ovest

proteggici dal nemico.


Illuminaci con la tua potenza celeste.

Sii con noi nel tuo pellegrinaggio

e nella confusione della battaglia.

Unisciti a noi nel nostro pellegrinaggio

e nella confusione della battaglia...

 

In epoca precristiana vi erano inoltre due divinità principali: Hu il padre e dio del sole e Ceridwen la madre e dea della luna. Questi sono a volte paragonati agli dei Egiziani Osiride e Iside. 

I Druidi avevano una percezione trascendentale associata al dono della profezia. Questa profezia veniva spesso introdotta con le parole:

Vedo con il mio occhio spirituale.

Anche le loro proprietà magiche erano famose e temute, soprattutto in guerra. I Druidi potevano influenzare la natura in modo tale da avere conseguenze disastrose. Si racconta che in una battaglia un Druido soffiò contro una collina e il suo respiro scatenò una vera e propria tempesta e inoltre la collina scomparve alla vista in una fitta nebbia. Gli avversari si persero d'animo e rinunciarono alla lotta.

Con il potere dei loro sortilegi e incantesimi potevano non solo influenzare la natura, ma portavano anche benedizioni o sofferenze alla popolazione. Erano stati posti come sacerdoti nel mezzo della vita ed esprimevano con franchezza le loro opinioni sulle questioni più importanti. In questo modo potevano animare i loro guerrieri ad essere coraggiosi quando era necessario combattere, ma anche criticare e schernire i codardi.

Che i Druidi conoscessero anche l'astronomia, lo si può vedere dal loro metodo di costruzione. Nessuna pietra era posta sopra un’altra in un tempio senza motivo. Tutto era costruito con precise misurazioni astronomiche.

I templi erano spesso eretti in boschi di querce, ed erano o cruciformi, perché la croce è il simbolo della rinascita, o rotondi, perché è il simbolo del mondo. Oppure erano a forma di ala per indicare lo spirito divino o a forma di serpente perché il serpente simboleggiava la divinità Hu, il druidico Osiride.

Il tempio più sacro era un cromlech o dolmen usato come luogo di iniziazione o rinascita. Era costituito da tre pietre verticali sormontate da una pietra piatta che fungeva da tetto, creando una piccola cella. In questa il Druido prendeva posto per indagare su alcune questioni.

(Continua in parte 7)

 

 

back to home pdf share