Tree harmony sea

Lo sviluppo spirituale dell'anima popolare celtica – Parte 7

back to home pdf share

(Alla parte 6)

Druidi e Cromlech

Rudolf Steiner fece un viaggio in Inghilterra negli anni '20 e visitò i luoghi dell'antico mistero dei Druidi. Con il suo dono di chiaroveggenza ha osservato le qualità dei sacerdoti Druidi nel lontano passato a Ilkley e ad Anglesey. Queste sono descritte in Scienza dell'Iniziazione e Saggezza Stellare [1].

Quella che segue è una breve descrizione delle sue osservazioni.

La saggezza dei Druidi era fondamentalmente un ricordo inconscio di tutto ciò che la terra aveva prima che il sole e la luna si separassero da lei. L'iniziazione dei sacerdoti Druidi era un'iniziazione solare e portava con sé la saggezza lunare.

I Druidi erano le guide per la loro gente o tribù, sia nella religione che nella medicina. Erano tutto in uno.

Percepivano nel loro dolmen i poteri spirituali del sole, ed erano così i continuatori dei grandi misteri ibernici (ne parleremo più avanti) dell'antichità. In quegli spazi oscuri del dolmen, la parte superiore ricoperta da una pietra, era possibile per il sacerdote addestrato percepire l'essenza spirituale della luce del sole. Il sacerdote Druido, in piedi davanti all'altare, si occupava delle qualità interiori del sole e così la saggezza, che era una forza della natura, fluiva in lui.

Dobbiamo sempre tenere presente che stiamo descrivendo un periodo in cui nulla è stato scritto. La scrittura arrivò in seguito con la cultura di Odino e la scrittura runica. I Druidi non leggevano libri per ottenere la conoscenza, ma leggevano nel cosmo, apprendevano i segreti dell’universo osservando la luce del sole sui cromlech. In questo modo potevano dire ai contadini quando raccogliere e quando seminare. Questi impulsi erano molto più intensi delle esperienze sensoriali dell'uomo moderno.

Il Druido, in piedi nel cromlech, non riceveva una conoscenza astratta, ma sperimentava ciò che pulsava nel suo sangue, ciò che pulsava in lui interiormente. Questo lavoro nella sua costituzione fisica aveva allo stesso tempo un aspetto spirituale. Otteneva così la sua iniziazione solare e acquisiva la capacità di comprendere le forze lunari abbandonate quando la luna si separò dalla terra. Poiché era in grado di conoscere l'attività solare, gli era anche chiaro come altre qualità del cosmo, per esempio le attività lunari, si riversino nelle attività solari. Il Sole fa germinare e germogliare la pianta, ed è in questo limitato dalla luna, che trattiene queste forze germoglianti. Dopotutto, la luna riflette la luce del sole. Ha un effetto limitante nella pianta poiché invia le forze della radice verso l'alto, facendo sì che la pianta cresca e formi il fusto, le foglie, i fiori e i frutti.

In estate, alla luce del giorno nel suo massimo splendore, il sacerdote Druido sperimentava ciò che il sole gli rivelava, ma di notte sperimentava le forze della luna, che lavorano nelle radici delle piante.

Questo non gli dava una conoscenza astratta, ma sperimentava le forze della natura nella loro tessitura. Vedeva queste forze come esseri elementali che crescevano nelle pietre, nelle piante e negli alberi. Quando queste forze erano tenute dagli dei entro i confini di radice, fiore e foglia, si dispiegava la vegetazione normale.

Tuttavia, questi esseri elementali potevano raggiungere dimensioni gigantesche e sono indicati come Jötuns nella mitologia norrena. Questi esseri elementali non si fermavano alla pianta: aspiravano a uscire e a diventare giganti, ad esempio i giganti del gelo che alla fine diedero un'espressione devastante sulla terra sotto forma di un gelo distruttore. Le forze radice che scaturivano da un'esistenza benefica nella pianta alla fine divennero un gelo distruttivo.

Anche ciò che dimorava nella crescita delle foglie poteva trasformarsi in gigantesche tempeste di nebbia che poi si trasformavano in un fuoco distruttivo. Il modesto potere di fioritura di una pianta si trasformava così in un fuoco ardente. Si potrebbe allora parlare dei poteri degli avversari degli dei.

Nei processi meteorologici si vedevano quindi le forze gigantesche degli esseri elementali dell'acqua e dell'aria sotto forma di brina ribollente e rugiada. Con la sua iniziazione solare, il sacerdote Druido leggeva in questi processi ciò che poteva ottenere dal cosmo e, sotto la spinta di questa iniziazione, quale conoscenza poteva ottenere dalla scienza lunare. Tutto questo era chiaramente connesso con il religioso e il sociale e si rifletteva nel modo in cui i Druidi trattavano la scienza medica. Osservavano cosa era successo alle piante quando hanno dovuto affrontare i giganti del gelo, i giganti della tempesta e i giganti del fuoco, e cercavano di riprodurre questi processi in un certo modo. Cucinavano, congelavano o bruciavano le loro piante, imitando quello che accadeva in natura. Utilizzando i loro poteri lunari, potevano mantenere le forze distruttive degli Jötuns, i giganti della tempesta, del gelo e del fuoco, entro certi limiti. Da questo hanno poi sviluppato le loro medicine ed erbe medicinali, che si basavano sulla riconciliazione dei giganti con gli dei. Ogni rimedio di quel tempo aveva il potere di riconciliare gli dei e i giganti: in quei rimedi, le forze dei giganti erano trattenute per essere sottomesse all'energia solare.

Tutte queste cose possono sembrarci molto strane, ma dobbiamo tenere a mente che al tempo in cui queste cose avvenivano non c'era traccia di intelletto. Questa civiltà si estendeva su gran parte dell'Europa settentrionale e centrale da tre a tremila cinquecento anni fa. Allora nulla era stato scritto e c'era solo la scrittura cosmica che poteva essere letta dai sacerdoti. In seguito si diffuse un mistero che proveniva dalla regione del Mar Nero e che nella mitologia norvegese è indicato come Odino.

La cultura di Odino è una cultura mercuriana e ha portato qualcosa di nuovo oltre al carattere del sole e della luna di allora, vale a dire un impulso intellettuale. Si dice che Woden o Odino sia stato il portatore della scrittura runica; un'arte di decifrare primitiva che l'uomo poteva per la prima volta creare per se stesso. Da quel momento in poi, tutto ricevette il cosiddetto impulso di Odino, che fu un precursore della successiva civiltà intellettuale.

I sacerdoti della cultura del sole e della luna non erano favorevoli a questo sviluppo e la consideravano una malattia. Una persona afflitta dall’impulso di Odino si chiudeva e cominciava a rimuginare. I Druidi non pensavano che si dovesse tacere, ma vivere insieme nella natura! Consideravano le persone che facevano segni, le rune, come malati da dover guarire. 

Fu così che la cultura di Woden o di Odino non fu compresa.

Balder era il figlio di Odino e anche la personificazione dell'intellettualità, un impulso del tutto nuovo. I Druidi volevano curare Balder, ma non avevano una cura per la sua “malattia”. Credevano che questa intellettualità potesse portare solo a una cosa, alla morte. Vediamo in Balder, il dio che non poté risorgere dai morti, il precursore di Cristo che risuscitò. Questo perché Cristo discese sulla terra direttamente dalla sfera solare, e Balder, l’essere Mercurio, era solo il riflesso di Cristo personificato come luce solare.

Il sacerdote Druido cercava così le sue idee sulla religione e sul sociale negli oscuri cromlech. Rielaborava i giganti distruttivi nel mondo esterno nella medicina. Poteri velenosi su larga scala, diventano rimedi benefici se applicati in piccola misura e nel posto giusto.

Così i Druidi, attraverso l'iniziazione solare, praticarono la saggezza primordiale degli esseri lunari, quando erano ancora sulla terra. Quando si parla dell’umanità di migliaia di anni fa, dobbiamo essere consapevoli che la coscienza era completamente diversa.

Gli esseri umani, prima del XIV secolo, avevano una costituzione molto diversa. Essere svegli non era come lo intendiamo ora: nella coerenza logica di eventi in corso. Oggi la nostra coscienza può essere suddivisa in: veglia, sogno e sonno, e ha avuto il suo precursore nella tarda epoca greca.

Gli eventi meteorologici, che oggi chiamiamo fenomeni naturali, avevano un significato molto diverso per l'uomo antico. Questi eventi erano visti come forze elementali con una caratteristica essenziale. Ai margini degli alberi e delle piante si vedevano giganti in espansione, esseri spirituali che dominavano il vento e il tempo, la grandine e la tempesta. Tutta la natura era un grande insieme vivente. Possiamo leggere queste storie sugli Jötuns, i giganti del gelo, della pioggia e del vento, nei miti norreni.

Anche l'uomo era in qualche modo chiuso in se stesso, ma non come lo conosciamo oggi. La gente vedeva immagini all’esterno, ma non nel modo in cui ora vediamo le montagne, per esempio. Ci si sentiva vicino ai giganti del gelo, del vento e della pioggia, considerati come spiriti delle radici e dei fiori. Si sentiva tutt'uno con quello, e poiché si sentiva così connesso, non se ne separava nella sua vita interiore.

In quella antica coscienza c'era anche qualcosa di più particolare. Non solo vedevano in queste immagini la loro esistenza nel presente, ma vedevano anche le loro vite precedenti. Come ora vediamo tutto in una prospettiva spaziale, così vedevano la loro esistenza in una prospettiva temporale; non come un ricordo, ma come una visione. Vedevano che prima della loro nascita vivevano in un mondo spirituale, e poi discendevano sulla terra in un corpo materiale. A quel tempo sapevano di essere nati dallo Spirito, ma vedevano anche i fenomeni puramente materiali della natura, come i fiori, le montagne, le valli e i fiumi. Sentivano come la forma umana era nata dallo Spirito, ma era discesa in un mondo che non aveva nulla a che fare con lo spirituale. lo sperimentavano come esseri banditi da quel mondo spirituale. Sapevano di essere caduti dal mondo divino e di essere stati collocati in una natura a cui la loro essenza umana non apparteneva.

Ne derivava un senso di colpa, di peccato. Così nacque in loro il senso di colpa, la caduta nel peccato. Era un cambiamento di coscienza, ma non lo capivano. Nelle antiche culture erano i saggi maestri del mondo, i sacerdoti iniziati che portavano conforto agli esseri umani, con parole che erano un balsamo ai cuori.

Sapevano che il grande Spirito del Sole si stava preparando ad incarnarsi sulla terra. Migliaia di anni fa, il corpo umano non era così indurito dall’azione delle forze intellettuali come oggi. Le anime, attraverso la pazienza e la pratica, potevano aprirsi come un calice in cui poteva riversarsi il mondo divino. Potevano leggere la venuta di Cristo dai cambiamenti nel mondo etereo, quando Cristo ha riversato il suo spirito vitale nell’etere del mondo. Chiamarono Cristo, Right nan Dul, il Re degli Elementi.

(Continua in parte 8)


Fonti:

[1] Rudolf Steiner, Initiationswissenschaft und Sternenerkenntnis, [Scienza dell'iniziazione e conoscenza delle stelle])

 

back to home pdf share