Celtic cirkel

Lo sviluppo spirituale dell'anima popolare celtica – Parte 8

back to home pdf share

(Alla parte 7)

Righ nan Dul

Gli iniziati Celti chiamavano il Cristo Righ nan Dul, Re degli Elementi. Sapevano che tutto in natura era corrotto, in altre parole: tutto ciò che è naturale, le piante, gli animali e gli esseri umani sono discesi a un livello inferiore. In precedenza la pianta poteva produrre da sola una nuova pianta, mentre ora necessita del concime.

I Druidi, capi spirituali degli antichi Celti che vivevano in gran parte dell'Europa occidentale ben prima di Cristo, erano gli astronomi di quel tempo.

Il cuore della cultura druidica era il sole in congiunzione con la luna e la dodecuplice struttura zodiacale. Il sole era l'elemento centrale degli antichi Celti, e i Druidi sapevano che la sua influenza, insieme a quella dell'intero cosmo, condizionava l’umanità.

L’attività del sole, della luna e dei pianeti è legata all'espansione e alla contrazione. I ritmi macrocosmici di contrazione ed espansione si replicano nel microcosmo umano.

Infatti, l'anima umana si condensa nel mondo materiale alla nascita, si rimpicciolisce, per così dire. Alla morte l’anima si libera di nuovo e si espande negli spazi celesti. La stessa cosa accade all'uomo nel sonno. Quando dorme, la sua anima è sveglia e sperimenta un mondo intensamente diverso rispetto a quando è sveglio, e poi ritorna, “si rimpicciolisce” nel suo corpo.

“Vedere il sole a mezzanotte” è quindi un'espressione dell'esperienza dei poteri “spirituali” del sole o, in altre parole, “vedere il sole dietro il sole”.

Questa saggezza era ben nota al faraone egiziano Akhenaton o Amenhotep IV. Sapeva che l'atavica chiaroveggenza stava per scomparire, e sotto il suo regno ci fu una transizione dall'adorazione del “Sole spirituale” all'adorazione del “Sole fisico” come datore di vita. Ha cambiato il culto dedicato ad Amon-Ra in quello al dio Aton.

È interessante notare che questa saggezza solare non scomparve in Occidente fino a mille anni dopo, e ciò permise di preservare l'antica conoscenza chiaroveggente druidica fino ai primi tempi del cristianesimo.

Il sole era quindi un elemento centrale per i Druidi.

Nei Misteri Hiberniani, i discepoli dei Druidi venivano posti davanti a due immagini che rappresentavano il sole e la luna.

Rimasti soli nell'oscurità, i discepoli alternativamente uscivano da se stessi e poi rientravano. In altre parole, la loro coscienza si espandeva in tutto il cosmo come nel sonno e si contraeva nuovamente nel proprio corpo fisico come nella veglia. Anche qui espansione e contrazione. In questa esperienza, i discepoli sentivano che la propria personalità diminuiva, quasi scompariva. Questa esperienza era molto importante e poteva essere considerata un’iniziazione!

I Misteri druidici erano simili ai Misteri Egizi riguardanti il principio universale delle dodici costellazioni zodiacali che influenzano l'uomo a tutti i livelli.

C'è qualcosa di peculiare nel principio del dodici: implica una pienezza, una pienezza che anela a qualcosa di nuovo. In molte storie e fiabe possiamo leggere di dodici fratelli o dodici cigni che desiderano una nuova esperienza o ai quali sta per succedere qualcosa di nuovo.

Il dodici è l'archetipo su cui deve essere costruita la Nuova Gerusalemme.

È il desiderio e la ricerca di qualcosa di totalmente nuovo, che si manifesta come una tredicesima forza, la Luce di Cristo.

Come umanità, come gruppo, dovremmo formare l'unità dei dodici affinché il tredicesimo, il Cristo, possa rivelarsi in mezzo a noi.

È la legge ermetica di “come in alto, così in basso”. Come il sole è in mezzo ai dodici pianeti, così i discepoli del gruppo dei dodici sono elevati al di sopra di se stessi dalla tredicesima forza, la Luce di Cristo.

Nello stato paradisiaco l'uomo era immortale, ma ora porta con sé la morte. Ci si potrebbe chiedere perché. Qui dobbiamo cercare la causa nell'uomo, perché non ha saputo resistere alla tentazione luciferina. Con la sua caduta, l'uomo ha trascinato con sé tutta la natura in un piano inferiore.

Si racconta che gli iniziati in Irlanda potessero ancora vedere un’impronta del paradiso prima della caduta, una condizione in cui la natura esisteva su un altro piano. Questa immagine è scesa come un panorama nelle anime degli iniziati. I Druidi provavano un profondo dolore per questa immagine e si pensa che questa esperienza sia uno dei problemi principali dei Misteri Hiberniani.

Questa caduta non è stata vissuta solo da un punto di vista umano, ma per migliaia di anni si è anche sperimentato il dolore primordiale degli dei per la caduta dell'umanità e del suo mondo.

A causa della composizione geologica della terra, l'uomo ha vissuto questa caduta intensamente molte volte.

I Druidi Hiberniani attendevano con ansia la redenzione e l'arrivo di Righ nan Dul, Re degli Elementi. Solo lui era in grado di invertire gli effetti di questa caduta.

Lo spirito popolare dei Celti era fortemente associato ai poteri cosmici di Cristo che divennero attivi.

Ecco un antico poema irlandese in cui Cristo è il Logos splendente che illumina le tenebre:

 

Nel tempo prima della venuta del Figlio di Dio,

la terra era una palude nera,

senza stelle, senza Sole, senza Luna,

senza corpo, senza cuore, senza forma.


Le pianure e le colline divennero luce,

il grande mare verde divenne luce,

tutta la terra cominciò a risplendere,

quando il Figlio di Dio venne sulla terra.

 

 

Quando si comprende l'intenso desiderio per il Cristo, si può cogliere la profondità del cristianesimo dei Celti in Irlanda e ciò che dovettero difendere.

La venuta di Cristo ha portato qualcosa di molto diverso in Occidente. È penetrato nella natura, l'ha vivificata e l'ha riempita di spirito.

In Oriente è nato in un uomo, in Gesù di Nazaret. Alla sua crocifissione, i Druidi videro il suo spirito vitale permeare tutta la natura. Dopo il mistero del Calvario, il chiaroveggente Druido poteva vedere Cristo nei cambiamenti della natura, nel vento, nelle onde, nell'aria, nella luce, nelle piante e nelle pietre. Questo flusso è andato da ovest attraverso il Galles a est.

In Oriente, dove Cristo aveva vissuto, era entrato nei cuori e nelle anime degli uomini. Questo impulso penetrò ad ovest attraverso la Grecia, il Nord Africa, l'Italia e la Spagna. Le due correnti si incontrarono.

La corrente occidentale portava l'immagine eterea di Cristo, l'immagine dell'eroe solare che combatte i demoni. Questa immagine ha avuto una grande influenza sulla cultura occidentale e viveva nelle anime dei Celti, ma anche dei Sassoni. Nell'antico vangelo sassone di “Heliand” possiamo leggere come Cristo è raffigurato come un re con servitori. In un certo senso, qui si rispecchia la storia celtica di Re Artù con i suoi dodici cavalieri che devono sconfiggere i (propri) demoni. In ogni caso, è un fatto Celtico speciale: signore e servitore sono insieme, proprio come guida e seguace. Questo ha modellato la struttura organizzata e aristocratica della società celtica. Questa organizzazione poteva essere vista nelle tribù più piccole.

I Celti non avevano bisogno di convertirsi, poiché sperimentavano il Cristo in modo chiaroveggente, quindi non c’era bisogno di nessuna tradizione esteriore. Inoltre cercavano il Cristo da secoli! 

Nel seguente poema Celtico leggiamo come l'intreccio di elementi della natura sia connesso con la mente. Questo verso è tipico del Cristianesimo Celtico:

Così era

Così è

Così è destinato ad essere nell’eternità

O Trinità della grazia!

Con flusso e riflusso.

O Trinità della grazia!

Con flusso e riflusso.

 

 

Ciò che i Celti irlandesi sapevano di Righ nan Dul e della vita di Cristo sulla terra può essere riassunto nel modo seguente: Cristo discese dalla sfera solare sulla terra, si incorporò nel trentenne Gesù e dopo tre anni morì sulla Croce. Di conseguenza, il suo Spirito di Vita è stato riversato sulla terra ed è diventato visibile nel mondo elementale.

Questa è l'immagine che gli iniziati irlandesi hanno potuto percepire fino al IX secolo. Era legata alla redenzione nella natura, mentre la redenzione dell'uomo attraverso Cristo viveva nelle anime come speranza, portando il mistero del Calvario da Oriente a Occidente.

 

(Continua in parte 9)

 

back to home pdf share