time

Morire ai confini del tempo – Parte 1

back to home pdf share

Morire ai confini del tempo, è un titolo un po’ strano. No, non proprio, perché è esattamente così: la morte avviene ai margini del tempo. Nel processo della morte qualcosa irrompe nel corso del tempo come lo abbiamo conosciuto finora, un altro livello dell'essere, un altro livello del divenire.

È qualcosa di sconosciuto. Questo è probabilmente ciò che spaventa di più le persone, c'è qualcosa che non sanno e non possono controllare. La resistenza è inutile. Alla fine ci arrenderemo, dobbiamo arrenderci.

Ma possiamo anche abbandonarci al processo del morire, e questo richiede fiducia. Per fare questo dobbiamo fidarci della vita. Sembra un paradosso, eppure la chiave è questa.

Durante la nostra vita sperimentiamo sempre che le cose finiscono, le circostanze, le relazioni, ecc.

Poi ci lasciamo andare – volontariamente o perché non abbiamo altra scelta – e la vita va avanti. Forse all'inizio sembra un po’ strano, o anche abbastanza strano, ma la nostra vita continua.

Questo è vero per la nostra vita esteriore così come per la nostra vita interiore. Passiamo attraverso processi in cui cambiamo pelle, ci liberiamo da schemi di pensiero e di comportamento, lasciamo dietro di noi schemi emotivi obsoleti. Essi muoiono, mentre noi continuiamo a vivere. E mentre apprendiamo che possiamo crescere attraverso i processi del morire, cresce anche la nostra fiducia nella vita, perché la vita ci insegna a morire.

O Signore, concedi a ciascuno la propria morte.

Frutto di quella vita

In cui aveva amore, significato e bisogno.


Noi siamo solo la buccia e la foglia.

La grande morte che ognuno ha in sé,

è il frutto attorno a cui ruota ogni cosa.

                               Rainer Maria Rilke

Krishnamurti  sulla morte

La morte è sempre stata un problema, forse il problema più grande della vita umana. Non l'amore, non la paura, non le relazioni, ma questa domanda, questo mistero, la consapevolezza della fine turba l'umanità fin dai tempi antichi.

Morire è qualcosa nel futuro, qualcosa di cui abbiamo paura, che non vogliamo. Eppure è sempre lì. Che si tratti di un incidente, di una malattia o della vecchiaia, è sempre lì. Che siamo giovani o vecchi, fragili o pieni di gioia di vivere, è sempre lì.

La maggior parte di noi ha paura di morire perché non sa cosa significa vivere. Non sappiamo come vivere; quindi, non sappiamo come morire. Finché abbiamo paura della vita, avremo paura della morte. Colui che non ha paura della vita non ha paura dell’assoluta incertezza, perché interiormente, nella sua anima, comprende che non esiste la certezza. E quando non c'è sicurezza, c'è un movimento senza fine, e allora la vita e la morte sono la stessa cosa.

Per scoprire realmente cosa succede quando muori, devi morire. Non è uno scherzo. Devi morire – non fisicamente ma psicologicamente, interiormente, morire alle cose che hai amato e alle cose per cui sei amareggiato. Quando muori per uno dei tuoi piaceri, il più piccolo o il più grande, naturalmente senza alcuna imposizione o discussione, allora saprai cosa significa morire. Morire è avere una mente completamente libera, senza desideri, piaceri e paure quotidiane. La morte è un rinnovamento, una mutazione, in cui il pensiero non funziona più perché il pensiero appartiene al vecchio. Quando c'è la morte appare qualcosa di totalmente nuovo. La morte è la libertà dal conosciuto, e quindi stai vivendo”.

(Continua in parte 2)

back to home pdf share