Abstract Lines

Ragione e Potere – Parte 2

back to home pdf share

Vai a parte 1

 

Una struttura di potere

Anche le imprese e le istituzioni commerciali condividono il vantaggio della suscettibilità alla paura e all'atto impulsivo del consumatore che ne può essere la conseguenza. Le multinazionali hanno oggi il vantaggio di mantenere e di espandere la loro posizione di potere, mentre le realtà nazionali separate hanno perso la loro influenza. Le multinazionali sono spesso più potenti dei singoli stati. 

La lezione che le multinazionali hanno imparato dalla Chiesa e dallo Stato è l’organizzazione di una struttura di potere, un modello di dipendenza in base al livello di funzionamento. Non solo la gerarchia del lavoro dall'alto verso il basso, ma anche la segretezza delle informazioni. Tutto questo all'interno di una rigorosa cultura dell'obbedienza, in modo che l'equilibrio del potere sia preservato utilizzando concetti chiave come sicurezza e controllo. In questo modo l'azienda funziona in modo ottimale. 

Un sistema a cascata?

Le istituzioni detengono ancora molto potere e lo esercitano senza pietà, soprattutto perché la struttura del commercio finanziario e i metodi di finanziamento lo rafforzano. Questo significa che la struttura dominante e sviluppata del capitalismo degli azionisti in un contesto neoliberista esclude per il futuro qualsiasi elemento umano. Le condizioni sono inesorabile efficienza, crescita e dividendi per gli azionisti, perché possiedono il potere determinante. A tal fine le imprese, i privati e i fondi di acquisizione sprofondano sempre di più in uno stato di indebitamento. L'economista Maarten Schinkel vede questo metodo come

un tentativo di spremere con una leva gli ultimi spiccioli di rendimento di un sistema economico che si affretta verso la sua fine[1]

L’imperatore

Tuttavia, stiamo ancora parlando del “potere terrestre”, il potere di Cesare, l'imperatore, il potere della gerarchia di questo mondo come è concesso al popolo, perché in linea di principio la popolazione è libera di organizzare l'economia mondiale e la gestione del mondo secondo le proprie intuizioni, sebbene sottomesse alle leggi della natura.

Il re addormentato in noi

Eppure vorremmo aprire il nostro essere a quell'altro potere, il potere di colui o colei che ha conquistato se stesso ed è quindi più forte di chi conquista una città, è addirittura onnipotente. Il potere del re che è in noi, il potere dello spirito reale, come l’ha definito Frederik van Eeden.  [2] 

Secondo Marten Toonder, quel re sta dormendo sul suo trono,  [3] sebbene affermi di desiderare solo l'oro dello spirito e non l'oro materiale. Ma nella storia il re usa la ragione solo quando viene risvegliato da un elemento femminile, una giovane donna che è in grado di condurlo a uno stato di consapevolezza. La stessa relazione vale per gli scacchi: rispetto alla regina, il re è piuttosto passivo e impotente, e come elemento più importante del gioco è costretto ad arrendersi dall'avversario: scacco matto!

 Perché non vogliamo elevare il nostro regno interiore al potere attraverso la ragione?

Lo abbiamo provato nella cultura occidentale con persone come Ficino, Bruno, Spinoza, Comenius, Boehme, Von Eckartshausen, Kierkegaard e molti altri, i quali hanno dimostrato come la lotta per il potere terrestre dia scacco matto alla vera ragione umana, e hanno indicato – ognuno a modo suo – come avvicinarsi al mondo dello spirito. Tuttavia, nonostante quei giganti dello spirito siano apprezzati e riconosciuti, gli esseri umani continuano a perseverare nella lotta per il potere nel mondo. Il sociologo tedesco Hartmut Rosa [4] descrive la modernità come segue:

La modernità si basa sull'idea che siamo in grado di sopraffare completamente ciò che ci circonda, natura compresa.

Potresti dire:

Il re è tornato a dormire con un falso pentimento.

Nel frattempo il nostro ambiente sfugge sempre di più al nostro controllo e il pianeta e la natura ci costringono a una nuova auto-riflessione. In tal modo possiamo scoprire che la coercizione istituzionalizzata, la paura atmosferica, il controllo sempre crescente di qualsiasi comportamento, l'impossibile richiesta di sicurezza assoluta, ci hanno manipolati in una posizione non libera. In questo modo l'anima è completamente vincolata e ci troviamo come in una prigione, schiavi dell'abitudine, della prosperità, dello "schermo" e della falsa sicurezza. Non siamo in grado di risvegliare il re alla vita.

 

power
'Potere Spirituale' acquaforte di Cor van Haasteren (1990)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'anima come nobile energia femminile

Tuttavia, tutto questo è un’illusione. La vita ci offre molto di più che conformarci a un sistema discutibile. Dobbiamo però impegnarci a osservare attentamente quanto sia profondo il nostro stato di schiavitù. Se possiamo ritirarci dal potere vincolante dei nostri sensi estinguendo quel potere, non dobbiamo però pensare che così facendo siamo liberi dai poteri di questo mondo. In questo processo l'importanza di risvegliare l'anima (con la sua nobile energia femminile) è essenziale, in modo che il re possa essere risvegliato. Ma quell’anima, come è descritto nella Pistis Sophia, ha comunque attraversato tutte le sfere degli eoni e nel percorso ha incontrato un passato immateriale, immenso e drammatico dell'umanità. Un passato che è atmosfericamente anche nel presente.

 La Pistis Sophia

La struttura di potere delle attuali potenze terrestri (istituzioni religiose, multinazionali, unità politiche) è permeata dalla “fame” degli arconti. Perché i poteri degli arconti sono dipendenti per il loro nutrimento dalla produzione di eteri umani, che fin dai tempi di Abramo forniamo loro in obbediente servitù. È importante riconoscere che i possessi, le proprietà, il denaro e il profitto sono stati le lusinghe astrali per questa produzione di eteri. Inoltre si è formato uno strato superiore di entità umane che attraverso questo potere terrestre possono mantenere un sistema Saturnale. Ciò significa che gerarchicamente parlando, dall'alto in basso, un’enorme ricchezza di denaro è in possesso di pochissimi. Il modo in cui funziona un tale sistema è tra l'altro descritto nel fumetto De bovenbazen  [5] di Marten Toonder.

Se estinguiamo la forza vincolante dei sensi e diventiamo forti nella nostra anima attraverso la vittoria su noi stessi, una grande fiducia cresce allora dalla pace che è nata in noi.

La luce speciale ad essa associata come un potere misericordioso, ci permette allo stesso tempo di intersecare la struttura del potere del mondo. Entriamo in uno stato di coscienza in cui non vogliamo controllare e imporre, ma iniziamo veramente ad ascoltare, in base alla nuova fiducia in noi stessi.

Luminosità gnostica

Riconosciamo immediatamente l'odore della paura, il controllo compulsivo, la prigionia, la costrizione a trarre profitto da un modello di reddito, la servitù alle autorità, ai consigli di amministrazione, all’”imperatore”. Rispetto a questo possiamo aiutarci con la nostra qualità dell'anima, che è piena di potere di luce gnostica. Non lottando, ma con la nostra presenza, la nostra attenzione e disponibilità. In questo modo formiamo una coppia reale di Anima e Spirito. Un nuovo sovrano si fa avanti. Il ruolo della ragione si è trasformato in saggezza che riflette interiormente in silenzio.

La testimonianza ermetica di questa saggezza non terrestre è il centro, l'equilibrio dell'anima ad un alto livello di vibrazione, il silenzio che è davvero vita.

Quella ragione non ha più "tutori" del mondo (Ermete); quella ragione è al di là degli affetti di emozioni irragionevoli (Etica, Spinoza). Il potere della ragione non ha bisogno di strutture di potere, di soggetti, di nessuna fede cieca, ma è "di per sé", come dichiara il Tao The Ching. 

Colui che non attribuisce alcun valore al potere ha raggiunto la saggezza suprema. ​​​​​​​ [6]

 


Riferimenti:

[1] Maarten Schinkel, Katern Economie (Sezione economia), NRC, 26/27 settembre 2020

[2] Frederik van Eeden, De koninklijken van geest (La regalità nello spirito)

[3] Marten Toonder, Koning Hollewijn 

[4] Hartmut Rosa, Die Unverfügbarkeit  (L'indisponibilità), Suhrkamp, 2018

[5] Marten Toonder, De bovenbazen (I Capi), De Bezige Bij, 1963

[6] Jan van Rijckenborgh e Catharose de Petri, La Gnosi Cinese, Edizioni Lectorium Rosicrucianum, 2017

back to home pdf share