phoenix

Sara e Tobia - Parte 2

back to home pdf share

(Vai a Parte 1)

La nuova anima è il mediatore tra lo Spirito (con cui si connette quando è matura) e la personalità dell'uomo. Nella parabola il suo simbolo è Sara. Il nome Sara si traduce come "Principessa", "Signora", "Nobile donna". La seconda traduzione viene dalla radice aramaica "sar" che significa "girare la testa". Sara, con la sua bellezza, ha fatto girare tutte le teste nella sua direzione. A livello interiore, ciò significa che la nostra volontà e l'aspetto mentale del nostro essere si allontanano dall'egocentrismo della natura terrena ordinaria e si concentrano sulla bellezza del nobile principio divino che portiamo dentro di noi. I sette mariti di Sara uccisi da Asmodeus (“Distruttore” dal verbo “shamad” distruggere) possono essere intesi sia come i Sette Raggi dello Spirito, con i quali l'anima non poteva ancora connettersi perché non era completamente sviluppata, oppure possono simboleggiare i sette chakra non ancora trasformati da un processo di trasformazione gnostico chiamato trasfigurazione. Questo dualismo interpretativo corrisponde molto bene al ruolo dell'anima come intermediario tra ciò che è divino e ciò che è umano.

Possiamo anche comprendere l'aspetto di Sara come un cuore purificato e Tobia come una testa purificata. Quando il cuore e la testa pregano per lo stesso fine, quando sono pieni di un’unica intenzione, un profondo desiderio di connettersi con Dio, di diventare uno, amore, luce, strumento dello Spirito, allora accadono i miracoli gnostici. “Ebbene, io vi dico: chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. Perché chiunque chiede riceve e chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto”. [1]

Infatti, che ce ne rendiamo conto o meno, preghiamo costantemente nella nostra vita. Ciascuna delle nostre parole, pensieri, emozioni, sentimenti o azioni è una specie di preghiera; è energia irradiante che ha determinate conseguenze. Jakob Boehme, il grande mistico di Goerlitz, ha scritto sulla preghiera:

Se vuoi pregare Dio, allora invoca Dio (il tuo Padre celeste) nel Nome di suo Figlio Gesù Cristo, desiderando che ti perdoni i tuoi peccati, per amore delle sue sofferenze e della sua morte: e ti dia ciò che è buono per te, e possa favorire la tua salvezza. Rinuncia e abbandona tutto ciò che è terreno, al suo Piacere e Volontà; poiché non sappiamo cosa dovremmo desiderare e per cosa pregare, ma lo Spirito Santo ci aiuta in Cristo Gesù, davanti al suo Padre celeste. Quindi non c'è bisogno di molte parole o lunghe preghiere; ma di un'Anima credente, che con tutta la sua intenzione sincera e risoluta si arrende alla Misericordia di Dio, per vivere nella sua Volontà[2]

Queste parole evidenziano un aspetto molto importante del Sentiero di liberazione dall’”io”, cioè fare non la nostra volontà, ma la volontà di un principio divino interiore, Dio che cresce in noi.

Un uomo terreno con un'anima naturale prega in un modo, e una nuova anima prega in modo diverso. La preghiera dell'uomo terreno è spesso motivata dalla paura e da qualche forma di egocentrismo. La più alta forma di preghiera che possiamo permetterci, come esseri con coscienza “io”, è la gratitudine o una richiesta ai poteri divini di aiutarci a calmarci e ad arrenderci al Dio interiore. Una tale preghiera, come possiamo dedurre dalla parabola, ha un grande potere. Grazie a questo attiriamo le utili forze divine.

Pregare affinché un problema che ci dà fastidio venga risolto secondo le nostre aspettative, non è un atteggiamento di sottomissione alla volontà di Dio. Succede che soluzioni che non sono di nostro gradimento come personalità siano utili per lo sviluppo della nuova anima. Tuttavia, quando siamo veramente concentrati sull'ascolto e sul seguire questo elemento sacro e non egocentrico dentro di noi, tutto nella nostra vita inizia a entrare in armonia. Dopo il temporale, il sole può splendere ancora più luminoso.

La nuova anima prega senza parole. Prega con la sua radiazione, che può essere paragonata al profumo di incenso fragrante che sale da un altare, o alla fragranza di un fiore. È una preghiera dall’unità e dal silenzio. A volte ciò che è appropriato e desiderabile a un livello di sviluppo inferiore è sconsigliabile e dannoso per gli altri. Quando l'uomo ha in gran parte realizzato la sua nuova anima, pregare con le parole potrebbe non essere consigliabile; perché ci riporta allo stato di anima naturale, che opera dalla separazione. Paradossalmente, può rafforzare l'ego, invece di metterlo a tacere. I Bogomili lo sapevano. Uno dei tre sacramenti che hanno riconosciuto era il sacramento della preghiera. Era un mistero consistente nell'unire i candidati con le forze espresse nelle parole della “Preghiera del Signore” (il Padre Nostro). Gli iniziati a questo sacramento dovevano pregare non con le parole, ma con il silenzio dell'anima. Coloro che non avevano ancora ricevuto questa iniziazione non dovevano usare le parole di questa preghiera perché, come esseri naturali, erano ancora collegati alle forze della natura, e non alle forze di Cristo, il Logos del nostro universo.[3]

Come abbiamo scritto sopra, la fervente preghiera che sgorga dal fuoco di una nuova anima fa accadere miracoli. Nella storia di Sara e Tobia, questo miracolo è avvenuto tramite l'Arcangelo Raffaele (“Dio guarisce”), un messaggero inviato dall'Altissimo. Un angelo si rivela al figlio di Tobia (il quale si chiama anche Tobia) quando viene mandato dal padre a prendere i soldi che il suo amico Gabael conserva per lui. Raffaele appare a Tobia nella forma di un parente di Azariah ("Jehovah ha aiutato"). Grazie alla sua guida, Tobia, il figlio, è sempre sulla strada giusta e raggiunge in sicurezza la sua destinazione, raccoglie il denaro e guadagna felicità per se stesso e per tutta la famiglia. Mentre sono in viaggio, Raffaele lo aiuta a sconfiggere un potente pesce. Tobia lo uccide e, su consiglio di Raffaele, ne conserva il fegato, il cuore e la bile: “Perché la bile, il cuore e il fegato possono essere utili medicamenti”. [4]  L'angelo afferma che il cuore e il fegato del pesce aiutano a liberare le persone possedute dai demoni che li tormentano. La bile, d'altra parte, rimuove le macchie bianche dagli occhi dei ciechi. Come abbiamo già intuito, Tobia guarisce Sara, che si scopre essere la figlia di Gabael, e la prende in moglie. Ritorna con i soldi da suo padre, toglie le macchie bianche dai suoi occhi e l'intera famiglia vive felice e contenta.

Uccidere un pesce significa sconfiggere le forze inconsce che ci governano e interferiscono con lo sviluppo della nuova anima. È l’insieme di tutte le nostre emozioni, conflitti, pensieri critici, desideri e ambizioni mondane, paura e identificazione dell'ego con varie "maschere". Il fegato è un organo del nostro corpo che ha a che fare con il tipo di forze spirituali di cui viviamo. Quando il nostro fegato diventa in grado di assorbire la radiazione astrale gnostica necessaria, tra le altre cose per purificare il sangue, la nostra cecità emotiva scompare, l'anima si purifica e riceve nuove energie per un ulteriore sviluppo.

Nel "Cantico dei Cantici" troviamo le seguenti parole:

Mettimi come sigillo sul tuo cuore,

come sigillo sul tuo braccio;

perché forte come la morte è l'amore[5]

Queste parole sono pronunciate dalla “Sposa” o da una nuova anima e si riferiscono alla purificazione dei desideri presenti nel cuore, che comporterà la purificazione delle azioni (simboleggiata dal braccio). Questo può essere fatto solo con la forza dell'amore della nuova anima, che è “forte come la morte”. Più riusciamo a “ucciderci”, più spazio facciamo per Dio che vive in noi. Questo processo non ha nulla a che fare con la violenza, l'abuso psicologico di sé, l’auto-estorsione o la soppressione di quegli istinti della nostra natura che hanno ancora bisogno di “esprimersi”. Non ha nulla a che fare con la condanna, la colpa e la punizione, l'ascetismo o l'imposizione di un atteggiamento spirituale per il quale non siamo ancora pronti. Seguiamo questo percorso passo dopo passo, ogni giorno, ogni momento, cercando di ascoltare la voce della nostra guida interiore. Questo orientamento è una preghiera che attira a noi le forze del campo divino. Più ascoltiamo il nostro io interiore, più chiaramente vediamo quanto sia paziente e amorevole il "grembo" che ci trasporta. Dio è un meraviglioso "ascoltatore". Ascolta con amore, pace e silenzio tutte le nostre parole, azioni, pensieri e desideri. È una forza potente che può accettare anche le più grandi crudeltà che vengono alla mente delle creature terrene. Le parole pronunciate da Gesù: In verità io vi dico: tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l'avete fatto a me [6], indicano che ogni nostro atto egocentrico ferisce in qualche modo il corpo vivente di Dio. Tuttavia, ci dà spazio, aspettando pazientemente che i risultati di tale comportamento tornino a noi per insegnarci l'amore. L'amore di Dio che ci avvolge è estremamente toccante, bello, sorprendente, il più caro al mondo.

Dà forza al più alto altruismo, al di là delle capacità dell'uomo terreno. Fu grazie ad esso che un gruppo di circa 200 Catari, nel 1244, scelse di morire sul rogo invece di rinnegare il loro legame con Dio. La pace e la dignità mostrate da queste persone mentre camminavano tra le fiamme hanno toccato profondamente tutti coloro che hanno assistito a questo evento e ci toccano profondamente ancora oggi. Il loro atto ha significato che l'immagine della vera umanità è stata registrata negli strati eterici del nostro pianeta. Non quella egocentrica e paurosa che spinse Pietro al triplice rinnegamento di Gesù, che è naturale per l'uomo terreno. Ma quella che “offre la propria vita per i propri amici”. [7]  Grazie all'amore Cataro, tutti coloro che ora seguono il sentiero gnostico beneficiano della potente Forza di Luce che queste persone straordinarie si sono lasciate alle spalle.

Per poter accettare una condanna a morte in pace, bisogna prima morire interiormente. Con la morte della coscienza naturale ed egocentrica, la paura svanisce e in noi nasce un corpo di luce, tessuto per amore. Dalle ceneri della vecchia natura sorge la Fenice, l'ardente uccello della libertà e del superamento, indipendente dal corpo fisico, appartenente all'Eternità.

Al giorno d'oggi non dobbiamo dare la nostra vita per la nostra fede, almeno non in senso letterale. Il sentiero gnostico ci conduce ogni giorno, passo dopo passo, a una completa rivalutazione del nostro scopo nella vita. La nuova anima che si sviluppa in noi ci libera dalla paura di ciò che può accaderci nel mondo fisico. Cominciamo a vedere questo mondo come un'illusione e diventiamo parte del vero Piano di Dio.

Siamo in questo mondo, ma non più di questo mondo. Diventiamo un pilastro di luce che collega la terra al cielo, una preghiera costante per i nostri fratelli e sorelle, per tutta l'umanità sofferente.


[1] Luca 11, 9-10

[2] Jacob Boehme "Three Principles of the Divine Essence",

[3] The Spiritual Heritage of Bulgaria: YouTube 

[4] Tobia 6, 5

[5] Cantico dei Cantici 8, 6

[6] Matteo 25, 40

[7] Giovanni 15, 13

back to home pdf share