Cave entrance

Una realtà più grande – Parte 1 – una visione del divino

back to home pdf share

Riepilogo

Per molti, la realtà è confinata nelle prime tre dimensioni percepite dai cinque sensi. Che ci siano più dimensioni (4D, 5D, 6D e oltre), e che queste possano essere sperimentate con la nostra coscienza, ha sicuramente a che fare con sensi più o meno latenti oltre ai cinque conosciuti. Inoltre, un'affermazione significativa è che non c'è “spazio vuoto”.  [1] In altre parole, la vita si estende anche nello spazio infinito in numerose altre onde di vita.

La consapevolezza di una realtà più grande in cui viviamo si riferisce principalmente alla nostra percezione, che si correla anche con i sensi “superiori".

Allo stesso tempo, a causa delle crescenti radiazioni di Acquario, si aprono fonti di conoscenza e campi di esperienza a cui i Gran Maestri della moderna Scuola della Rosacroce  [2], [3], [4], [5]  più volte hanno fatto riferimento, a volte come monito, a volte come prospettiva, spesso con un compito gnostico.

Nei tre contributi:

a. Una realtà più grande - Parte 2 - Il regno delle forze arcontiche

b. Una realtà più grande - Parte 3 and Parte 4 - Onde di vita ultraterrene

c. Una realtà più grande - Parte 5 - Il paradosso della Pace/Amor cortese di Van Ruusbroec

e sulla base degli attuali avvenimenti, così eccitanti, sorprendenti, minacciosi e tuttavia anche pieni di promesse, si esplora se in questa realtà più grande si possa percepire una visione del divino fondata sul riconoscimento spirituale.

In altre parole, come opera la pre-memoria nelle dimensioni e nei processi che stanno diventando sempre più evidenti?

Dalla promettente consapevolezza dell'Onnipresenza, il primo contributo  (Una realtà più grande - Parte 2 - Il regno delle forze arcontiche) richiama l'attenzione sul vasto ordine di soccorso, in cui le forze arcontiche prevalgono. Un ordine di soccorso che può essere definito una necessità per il creatore demiurgico.

Il ruolo centrale svolto da Saturno come portale – metafisico, elettromagnetico, esoterico e fisico – ha avuto un effetto significativo sulla formazione della matrice in cui gli eoni degli Arconti possono essere ritenuti responsabili del mantenimento della natura della morte. La nostra cultura ed economia saturniana sono riuscite a sostenere la sua ricerca del profitto e il suo materialismo fino ai giorni nostri a causa di una influenza negativa di Mercurio, ma da qualche tempo una nuova opzione energetica sta brillando all'orizzonte: energia "libera" basata su intuizioni e attività quantistiche.  [6], [7]

Nel secondo contributo (Una realtà più grande - Parte 3Parte 4 - Onde di vita ultraterrene), l'aiuto essenziale di queste forze ultraterrene per l'umanità gioca un ruolo importante. Quando noi come umanità possiamo utilizzare l'energia libera, l'energia del punto zero che è connessa con l'etere elettrico della economia quantistica, iniziamo in noi stessi un flusso di energia che è molto simile all'etere elettrico connesso all'intervento di Cristo. Gli alieni possono quindi aiutarci a diventare consapevoli dell'energia non distruttiva, che è il nostro potenziale dormiente.

Questa energia libera è connessa con il campo dell'unità, della libertà e dell’amore. La nostra nascita consapevole in questo campo deve abbandonare completamente l'approccio consueto alla produzione e al consumo di energia. L'esperienza della libertà è necessaria per attivare il nucleo immortale in noi, che scorre attraverso la consapevolezza di una connessione non necessaria e istantanea del karma con le linee di forza del demiurgo o Yaldabaoth. Per questo è essenziale che le forze benevole ultraterrene si dimostrino influenze reali, mentre allo stesso tempo smascherano le forze imitative che hanno ancora una potente presa sulla nostro stato mentale, astrale, eterico e fisico.

Nel terzo contributo (Una realtà più grande - Parte 5 - Il paradosso della Pace/Amor cortese di Van Ruusbroec), sul campo dell'unità, libertà e amore, l'Unità è fondamentale. Sulla base del libero arbitrio delle persone che hanno lasciato alle spalle l’odio e il profitto, l'amore per il mondo e per l'umanità può essere vissuto dall'unità senza dover lasciare il Centro di perfetta pace. "L’amore come prospettiva per l’azione".

Il punto di partenza di tutte e tre i contributi è sempre l'eccellente analisi dell'"antica" Gnosi come appare nella Pistis Sophia [8] e negli scritti dei reperti di Nag Hammadi.

Ora che i confini sono stati rimossi e una realtà più grande si presenta alla coscienza umana su scala cosmica, ci si può porre la domanda:

Cosa può rivelare questa realtà più grande come aspetto del divino, come “volto di Dio” per il pellegrino nel suo cammino di autorealizzazione?

È importante vedere questo da una base essenzialmente gnostica; utilizzare il necessario potere eterico rinnovatore di Cristo come elemento centrale e porre le moderne intuizioni spirituali alla luce delle frequenze di radiazione essenzialmente crescenti dell'Acquario per un risveglio della coscienza dell'anima. Ciò implica anche imparare “lezioni” sugli atteggiamenti e le intuizioni dei nostri amici cosmici ed essere attenti alle violazioni dell'opposizione cosmica. Sorprendentemente la moderna "tecnologia" [energia elettrica gratuita] può fornire uno stimolo in questo senso, a patto di essere disposti a lasciare andare il vecchio pensiero, che è culturalmente impostato in senso lucrativo: se vogliamo ancora generare "profitto" in qualche modo, allora finiamo in un vicolo cieco alle porte di Saturno.

La visione cosmica del divino, in senso mistico, è fondata sull'eone gnostico di pace e unità, riposo assoluto, il centro perfetto. Dall'esperienza acquariana di unità, libertà e amore, possiamo subire la forza attiva in un atteggiamento di vita attivo, che tuttavia è radicato in quel centro perfetto di pace assoluta. Jan Van Ruusbroec ha espresso questo paradosso in termini originali in De Geestelike Brulocht (Matrimonio Spirituale)  [9]. Meister Eckhart [10] ha identificato la realtà più grande come una visione del divino con l'occhio che percepisce.

(Continua in parte 2)

 

Fonti:

[1] Non esiste spazio vuoto; uno dei principi fondamentali dei Manifesti rosacrociani del XVII secolo

[2] La Testimonianza della Fraternità della Rosacroce, Edizioni Lectorium Rosicrucianum, 2014

[3] La Parola Vivente, Catharose de Petri, Edizioni Lectorium Rosicrucianum, 2016

[4] Non esiste spazio vuoto, J. Van Rijckenborgh, Edizioni Lectorium Rosicrucianum, 2010

[5] Smascheramento, J. Van Rijckenborgh, Edizioni Lectorium Rosicrucianum, 1983

[6] Victor Schauberger

[7] La tecnologia a energia libera funziona davvero! Marja de Vries, 27 dicembre 2019

[8] I Misteri Gnostici della Pistis Sophia, J. van Rijckenborgh, Edizioni Lectorium Rosicrucianum, 2019

[9] Die geestelijke Bruiloft (Il matrimonio spirituale), Jan van Ruusbroec, trad. Jos van den Hoek, KB, 2008

[10] Deutsche Predigten und Traktate (Prediche e trattati tedeschi), Meister Eckehart, Monaco di Baviera 1963

 

back to home pdf share