Megaliths circle

Lo sviluppo spirituale dell'anima popolare celtica – Parte 2

back to home pdf share

(vai a parte 1)

Iperborea

Nel Timeo Platone scrive ciò che Solone, il legislatore di Atene, aveva sentito da un iniziato egiziano di Sais circa 200 anni prima. L’iniziato raccontò a Solone della grande isola, la perduta Atlantide, più grande della Libia e dell'Asia messe insieme. La Bibbia non menziona il nome Atlantide, ma racconta di una grande alluvione e questa potrebbe avere una connessione con la scomparsa di Atlantide.

Inoltre, la storia di molti popoli inizia intorno all’epoca del diluvio, che viene raccontato in diversi modi. Ciò deriva probabilmente dal fatto che solo i veggenti erano in grado di vedere gli eventi di Atlantide, e ciascuno in un modo diverso, a seconda di dove veniva visto: da sud o da nord, in inverno o in estate. Sono tutte storie di una grande alluvione in cui è stato sommerso un continente.

Un pezzo di terra ai margini dell'antica Atlantide ha una vaga somiglianza con la terra sommersa, è cioè l'Irlanda, e più a ovest la Scozia, la Gran Bretagna e parte della Bretagna. Queste erano le terre in cui vivevano i Celti.

I Celti erano convinti che l'Atlantide sommersa esistesse davvero.

La scomparsa di questa terra aveva lasciato un'impressione molto profonda nell'anima celtica e, inoltre, questa rovina era ostinatamente presente nell'anima popolare. Nel corso del tempo, i Celti hanno fuso i ricordi dell'antica Atlantide con ricordi ancora più antichi: quelli dello stato paradisiaco. Ecco perché nei molti miti si parla di questi mondi meravigliosi e si parla dell’”altro mondo”, in cui gli dei e gli uomini si incontrano.

Dopo la scomparsa di Atlantide, due gruppi di persone si spostarono a est: uno guidato da Manu seguì la rotta settentrionale attraverso il Nord Europa fino all'India, e l'altro seguì la rotta meridionale fino all'odierna Africa.

Il gruppo settentrionale fu poi descritto dagli storici greci come gli Iperborei (iper = oltre e boreas = vento del nord).

Quindi Borea era il nome del vento del nord che portava con sé la tempesta e il freddo invernale.

Antichi viaggiatori e storici scrivono di un gruppo religioso di alto rango, gli Iperborei, il cui centro era Elixoa, sull'isola omonima che doveva essere l'isola danese della Zelanda. In questa città santa, interamente popolata da numerosi servitori del Tempio, c'era una scuola per sacerdoti-poeti, i quali erano accompagnati da cantori e musicisti. Il nome di questi sacerdoti era Boredai, in gallico Bairadion. La loro religione era incentrata sul Dio della Luce e da qui il nome Bardi del Sole, che portarono fino alla loro scomparsa.

(I Bardi saranno esaminati più avanti nella parte 11)

La terra degli Iperborei si trovava nelle regioni del Nord Europa e dell'Asia settentrionale, dalla Scandinavia alla Finlandia e attraverso la Siberia.

Gli Iperborei erano un popolo tranquillo che viveva in pace e chiarezza, influenzato come razza dagli effetti degli eteri e dalle condizioni del suolo. Non erano ancora consapevoli del sangue e delle forze del fuoco vitale che ribollivano nel metabolismo e negli organi riproduttivi. Nelle regioni più fredde del Nord Atlantico si sviluppò così l’umanità, libera dall'indurimento materialistico dell'ego, e nelle condizioni paradisiache innocenti degli impulsi iperborei si formò la prima razza bianca. Le persone che vivevano più vicine al Polo Nord erano più influenzate dal cosmo attraverso le loro teste. Di conseguenza, poterono in seguito rivolgere la loro attenzione al mondo esterno, al pensiero e ai sensi. Questo contrastava con il gruppo degli Atlantidei che si era spostato verso sud-est. Le forze metaboliche brillavano nei corpi di queste persone. 

Si diceva che Iperborea avesse una notte limpida per sei mesi e una giornata serena per altri sei, quindi quel continente si poteva trovare nelle aree settentrionali del Mare di Barents, del Mar Bianco e nelle vicinanze della Siberia e della Finlandia.

Anche Omero, nella sua Odissea, racconta di queste notti limpide in Iperborea.

Iperborea aveva una condizione verginale, paradisiaca e le isole di questa zona, secondo Diodoro Siculo, erano così fertili da produrre anche due raccolti l'anno.

Dobbiamo collocarla nel tempo antecedente i cambiamenti planetari; allora le aree intorno alla Finlandia erano molto più calde di adesso. Successivamente, il clima è cambiato drasticamente e queste aree hanno dovuto affrontare un clima molto più freddo.

I corpi degli Iperborei in quei tempi antichi erano maggiormente vegetali e si moltiplicavano in modo vegetale, cioè senza fecondazione. Un grande essere eterico poteva contenere diversi “corpi” e l'umanità eterica (del paradiso) era, per così dire, l'anima di gruppo per molti corpi.

In tempi successivi, gli Iperborei furono adoratori del dio Sole Apollo ed erano conosciuti fondamentalmente come sacerdoti di Apollo; lodavano e adoravano questo dio ogni giorno. Questo è comprensibile se si considera che metà dell'anno le notti erano così luminose che gli abitanti devono aver avuto un'esperienza speciale con la luce del sole.

Così i successivi istruttori dell'umanità si incarnarono in questo mondo eterico incontaminato del nord. Questo spiega perché molti popoli ospitassero i loro dei nel nord. In tempi successivi, questi maestri diffusero il loro insegnamento sotto forma di comunità sacerdotali nella Scandinavia settentrionale e operanti ad arco circolare attraverso l'Europa fino al Mar Nero.

I Greci portarono preziosi doni agli Iperborei, e talvolta gli Iperborei stessi vennero in Grecia, come l'Iperboreo Abari, che rinnovò l'antica parentela con gli abitanti di Delo.

Il legame dei Greci con gli Iperborei si esprime anche nel fatto che essi indicano queste genti con il loro grado di iniziazione di “Cigno”; il cigno era un animale sacro e consacrato al dio Apollo, il quale, quando nacque, fu condotto su un carro trainato dai cigni nella bella Iperborea.

Gli Iperborei erano vegetariani, non lavoravano, vivevano una vita felice e sana che poteva durare centinaia, anche migliaia di anni.

Nell'epopea finlandese del Kalevala, leggiamo come la madre di Wäinämöinen, il dio della poesia e della magia, abbia avuto una gravidanza di 700 anni prima di partorire. Queste immagini si riferiscono ad un lontano periodo terrestre, chiamato Iperborea in cui l'uomo aveva ancora un corpo eterico di luce. A quel tempo non si conosceva ancora la morte e la metamorfosi da una forma all'altra. Tutte queste qualità erano conosciute nei luoghi misteriosi dell'antichità, e questi stati paradisiaci innocui si fusero con gli Iperborei dell'era post-Atlantidea.

Secondo Steiner, gli Iperborei influenzarono spiritualmente non solo i greci, ma anche i Druidi celtici, e il sacerdozio iperboreo era la comune fonte di ispirazione sia per il culto greco di Apollo sia per il culto celtico-germanico di Lug o il Dio del Sole.

I Drotten, Trotten o Trudi, influenzati dagli Iperborei, diffusero così i loro misteri solari che erano i misteri più antichi d'Europa e ispirarono i Druidi celtici.

(continua in parte 3)

 

 

      

 

back to home pdf share