Triskele

Lo sviluppo spirituale dell'anima popolare celtica – Parte 1

back to home pdf share

Contenuto

1.  Celti
2.  Iperborea
3.  Misteri Trotten
4.  Druidi
5.  Triade
6.  Spiritualità
7.  Druidi e Cromlech
8.  Righ nan Dul
9.  Santuari
10. Alte croci celtiche
11. Bardi
12. La parola
13. Vati
14. L'Altro Mondo
15. Ossian

16. L’iniziazione di Cormac Mac Art

17. Hu, Ceridwen e i Misteri di Hibernia

18. Taliesin 

 

 

Estratto da La Canzone del Grande Mondo

Ti prego Padre mio, Dio mio,

donatore dei miei poteri

che hai infuso in me un’anima

per dirigermi.

Che hai creato per me,
  
le mie sette facoltà.

Dal fuoco e dalla terra,

dall’acqua e dall’aria,

dalla nebbia e dai fiori

e dal vento del sud.

Il Libro di Taliesin - Kanu y Byt Mawr  [1]

 

Introduzione

Molto è stato scritto sui Celti, molto meno è stato pubblicato sulla spiritualità del popolo celtico, e su questo vorremmo attirare la vostra attenzione.

I Celti erano un popolo feroce e bellicoso, ma avevano anche un lato completamente diverso: una mentalità molto spirituale. Tuttavia, per comprendere correttamente il loro stato mentale, dobbiamo tener conto del fatto che la loro coscienza era molto diversa da quella dell'uomo moderno. I capi spirituali del popolo celtico, dopo un lungo periodo di formazione, possedevano qualità chiaroveggenti. Potevano contattare gli dei nei loro templi, che spesso erano situati su dei monti immersi nelle foreste di querce.

È anche importante tenere presente che la lingua scritta non esisteva ancora.

Tutto era memorizzato e ricordato e usavano un modo speciale per farlo, di cui parleremo più avanti.

Il molto che sappiamo sui Celti lo dobbiamo ai Bardi che in tempi successivi scrissero molti dei loro inni, canzoni e lodi.

Celti

I popoli celtici sono discendenti degli indo-germanici e formano una razza strettamente imparentata con i tedeschi.

"Keltoi" deriva dall'antica parola irlandese "celt", che significa "mantello" o "vestito", che contrastava con la popolazione seminuda e non ariana dell'Europa centrale e occidentale.

I Celti erano alti e slanciati, i loro capelli erano biondi o rossi e i loro occhi azzurri.

Si propagarono nelle terre del Danubio e del Mar Nero, in Grecia, nei Balcani, in Italia, in Spagna e in Portogallo. Dopo essere penetrati in tutta la Francia (Gallia) e parte dell'Iberia, si diramarono verso le terre d'oltremare della Gran Bretagna e dell'Irlanda. In Irlanda, sebbene fossero una minoranza, realizzarono una "celtizzazione" dell'isola.

In linea di principio, la popolazione primordiale celtica costituisce la base dell'intera popolazione europea e ovunque nel sangue europeo scorre l'eredità degli antichi Celti.

I Celti hanno sempre mostrato un certo rispetto per le tradizioni religiose locali e talvolta le hanno incorporate nella propria cultura. Quindi i Celti, con la loro cultura fantasiosa e sensibile, hanno trapiantato i propri insegnamenti druidici nella più antica popolazione megalitica dell'Europa occidentale. Che questo “trapianto” abbia dato i suoi frutti, lo si vede dall'enorme fioritura culturale che i Celti hanno portato.

I Celti arrivarono nelle aree occidentali solo tra il 1000 e il 500 a.C. Intorno all'800 arrivarono nel sud della Francia e in Spagna. In circa 500 raggiunsero la Gran Bretagna, e nei secoli successivi espansero i loro territori su Scozia, Galles e Irlanda. Nonostante le differenze linguistiche, i popoli della Francia occidentale, dell'Irlanda, dell'Inghilterra e della Scozia formavano un grande insieme celtico.

I Celti erano noti per la loro immensa ferocia: per loro la vita aveva poco valore e tutto ciò che contava era morire da eroi. Litigavano per le cose più banali. Il tempo eroico dei re irlandesi, ad esempio, è una lunga litania di guerre reciproche e spiega in qualche modo lo spirito combattivo degli irlandesi di oggi.

Alessandro Magno una volta chiese ai Celti cosa temessero di più. Gli risposero:

Niente. Temiamo solo una cosa: che il cielo cada su di noi.

Non era affatto un vanto, tuttavia, che non temessero nulla, ma che temessero il cielo con la sua stella, il sole e la luna, era vero. Altrettanto grande era la loro paura della terra, dell'acqua e dell'aria, poiché conoscevano i poteri giganteschi del cielo stellato così come degli elementi del mondo terrestre. I Druidi usarono la loro conoscenza ed esperienza per domare e placare quegli elementi e, ove possibile, per renderli sottomessi agli umani.

I Celti avevano però un altro lato che contrastava fortemente con il loro spirito combattivo: avevano una mentalità molto spirituale.

Per comprendere correttamente i Celti, è necessario studiare le guide spirituali di quel popolo. Questo compito era svolto da iniziati istruiti: i Druidi. Avevano così tanto potere che erano al di sopra del re! La massima autorità è stata quindi assegnata alla classe dei Druidi, e questo la dice lunga sull'interesse spirituale dei Celti! 

Tra i Celti c’erano persone che potevano percepire gli elementi degli esseri in natura, come vediamo oggi la sfera materiale. Il mondo degli elementi, dell'acqua e della terra non era velato e queste persone avevano un contatto diretto con gli spiriti della natura, di cui si poteva parlare, come si parla di alberi, piante, montagne e nuvole.

Tutte le guide dell'umanità nel secondo e terzo periodo culturale post-Atlantideo erano in grado di percepire la natura soprasensibile, perché potevano separare il proprio corpo eterico dal corpo fisico. Questo corpo eterico divenne quindi portatore di certi poteri trascendentali e determinò una chiaroveggenza che i capi spirituali dei Celti, i Druidi, esercitavano.

Ci si potrebbe chiedere da dove abbiano tratto ispirazione i Druidi celtici e questo verrà spiegato nel prossimo capitolo.

(continua in parte 2)


Riferimenti:

[1] Haycock, Marged, Legendary Poems from the Book of Taliesin, 2007

back to home pdf share